Analisi Visiva

Uno dei compiti dei Sommelier è quello di descrivere il vino attraverso l’analisi sensoriale, comprendendo dunque vista, olfatto, gusto e tatto. Per rendere un’analisi sensoriale il più oggettiva possibile, dato che comunque viene filtrata dai sensi che percepiscono oggettivamente il mondo esterno (Schopenhauer di questa teoria ne fece la sua filosofia) l’associazione italiana sommelier ha redatto una scheda valutativa che racchiude precisi termini a seconda del senso utilizzato:

Analisi visiva

L’occhio che compie l’esame visivo di fatto valutare la limpidezza, il colore, la consistenza e l’effervescenza di un vino.

La limpidezza descrive la quantità di particelle in sospensione di un vino che può essere:
– Velato: con accentuata opalescenza e torbidità a causa di una errata fermentazione
– Abbastanza limpido: E’ un vino con qualche particella in sospensione e può non compromettere la qualità, quando la causa è dovuta ad un lungo affinamento in bottiglia di alcuni vini rossi, ad imbottigliamento di lieviti con relativa rifermentazione (tipico dei vini aromatici e bianchi) o a imbottigliamento senza filtrazioni. In questi casi una attenta manipolazione della bottiglia al momento della mescita può restituire al vino la dovuta limpidezza. Negli altri casi invece si deve avere sospetto.
 limpido: privo di particelle in sospensione
– cristallino: aggettivo che si addice più ai vini bianchi, privi di sospensioni che hanno una loro luminosità
 Brillante: si addice ai bianchi e allo Champagne, quando hanno un’ottima lucentezza che riflette la luce solare.

Il colore viene diviso in tre categorie: giallo, rosa e rosso.
– Giallo: Giallo verdolino, paglierino, dorato e ambrato
– Rosa: Tenue, cerasuolo, chiaretto
– Rosso: Porpora, Rubino, Granato, Aranciato.

sfumature-dei-vini-bianchi sfumature-dei-vini-rossi

Segue poi la consistenza del vino, la quale si valuta osservando come le gocce di vino che si formano sugli archetti cadano velocemente sul bicchiere:
– Fluido: scorre come l’acqua in un bicchiere, fenomeno dovuto ad una eccessiva lavorazione in cantina, indice di poca qualità
–  Poco consistente: il vino scende in modo leggero, e ciò è dovuto ad una struttura debole e poco consistente.
– Abbastanza consistente: scende nel bicchiere con moderata scorrevolezza, lacrime che scorrono abbastanza veloci e archetti di media ampiezza.
– Consistente: E’ u vino che scende nel bicchiere in modo poco scorrevole con lacrime lente e regolari e archetti fitti.
Rapporto morbidezza/durezza in genere a favore della prima. Si riscontra in vini ricchi di alcol e struttura o zuccheri
– viscoso: E’ un vino che scende nel bicchiere in modo sciropposo. Si riscontra in alcuni vini da dessert,passiti o liquorosi dolci,eventualmente ottenuti da uve botritizzate. Se questa situazione si presenta in prodotti diversi è da considerarsi un anomalia (es. filante).

Si continua poi con l’analisi dell’ effervescenza, nella quale si notano:
a) La Grana delle bollicine: Grossolana (come quelle dell’acqua frizzante), mediamente fini (come quelle che si trovano nei principali spumanti in commercio) e fini (grosse come la punta di uno spillo.
b) Numero delle bollicine : Scarse (quasi assenti), Abbastanza numerosi (presenti ma discontinue), Numerose (abbondanti che si formano in modo continuo da diverse parti del bicchiere)
c) Persistenza delle bollicine: Evanescenti, Abbastanza persistenti , Persistenti.

Analisi Visiva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...